Archivi categoria: mamma

#prayfororlando

Una strage. Un ragazzo di 29 anni che uccide dei suoi coetanei. Lì in America, in Florida, ad Orlando. Non importa che lui sia di origine afghane e non importa nemmeno che i morti, le giovane vittime, gli uomini e donne rimasti inermi a terra siano gay. Che importanza ha? Se sei frocio, se ti baci in pubblico, se urti la sensibilità di qualche ragazzo squilibrato o qualche finto uomo per bene allora si può imbracciare un fucile, impugnare una pistola o qualsiasi altra arma che possa colpire come in un video game e boom! sbang! e tutti giù per terra. Così sono 50 i morti. Di solito la mattina con mamma commentiamo i fatti eclatanti del giorno prima, della notte. E’ successo per Parigi. Per Bruxelles. Per la Siria. Per la rivoluzione dei gelsomini. Questa volta silenzio. Forse per rispetto alle vittime.

io le donne le ho sempre amate

Io le donne le ho sempre amate. Pure quando non lo sapevo. E le ho amate intensamente. E non parlo di mia nonna e nemmeno di mia mamma. Anche se oggi ,che è la festa della donna, per me è anche un po’ la festa della nonna. E nonna Maria, oggi, voglio ricordarla cucinando una delle tante cose che mi ha insegnato: le striscioline di frittata coi piselli in umido.

Nonna Maria come mamma mi hanno insegnato il valore di essere donna, il rispetto, l’amore per gli altri, per i libri, per il mare, per la famiglia.

Io amo così tanto le donne che me ne sono innamorata, tanto. Ho vissuto, prima, un amore malato, incondizionato come quello di Gerda per Einar e per Lili in The Danish Girl. E ora, invece, è arrivato l’amore non solo per lei ma anche per me. Il rispetto.  Perché a volte dimentichiamo che per amare bisogna amarsi. Io la amo, ma questa volta come amo me.

Messaggi

La profezia che si auto adempie. Lo dico, lo sento, lo sogno e succede. Succede che nella finta quieta di un pomeriggio di domenica di giugno, mentre provo a studiare e dopo aver scoperto una gelateria vicino casa che fa la panna dolce, arriva un messaggio. È lei. Nessuna domanda. Qualche scusa, qualche debolezza e un “spero tu stia bene”. Non rispondo. Chiamo quasi tutta la rubrica per capire se per caso la mia non risposta possa in qualche modo far capire che ho messo un punto, che sono distante da lei. È l’unica preoccupazione: ovvero farle capire che le cose stanno come prima o quasi. Cerco di essere razionale e mi dico: “se avrà qualcosa di serio da dirmi sa come farlo. Di un messaggio del genere non me ne faccio nulla”. Però sto meglio, perché mi pensa o perché sono riuscita a non risponderle. Non lo so. Mi sento più forte. A volte con qualche picco di speranza immotivata. Immagino delle possibili risposte: domenica scorsa in love e questa domenica in down? Ma no, non posso. E lo ripeto come un disco incantato. Intanto perché scoprirebbe che chiedo a qualcuno cosa pubblica su fb. Beh, non ci vuole uno scienziato ma preferisco evitare. E poi risponderle per dirle cosa? “Beh sai sto ancora una merda e ti penso ogni istante del giorno. Riproviamoci. Mollo tutto e veniamo a Milano. E nemmeno questo è consentito. Nessuna strategia. Credo. E mi torna in mente il sempre utile detto siciliano “a megghiu palora è chidda ca un si rice”. Cala il silenzio, quindi. Almeno per ora. Cerco di non farmi troppe domande anche se è difficile. Se non impossibile.

Sabato il Pride. A Palermo come a Milano e non ho acceso la TV per paura di vederla sfilare con lei accanto. L’altra invece che pubblica una sua foto con cappellino “Jova” di fronte San Siro. Ammetto: anche io sono stata ai concerti di Jovanotti ma giuro che manco a 15 anni mi compravo il cappello. A quarant’anni, quasi, lo trovo da idiota. Certo, io sono di parte. Ma lei che è snob allo stato puro non si vergogna di stare con una così? La domanda non trova risposta fino al suo messaggio qualche ora dopo. “Sì, forse si è resa conto con chi sta. Per questo mi scrive”. Provo a consolarmi così.

E a proposito di Pride…(per conservarne traccia) chiedo a mamma: ma quest’anno sei andata? E lei secca e diretta al solito suo: “m’abbastò tutto l’anno di Pride”. Rido e penso.

Penso che voglio cambiare vita e che tutto quel che voglio non l’avrò mai. Penso che Roma non mi piace sempre di più. Che non so dove andare. Che mollerei tutto per un’isola greca. Un tempismo perfetto, insomma. Adesso che la Grecia è in crisi dove penso di trasferirmi ? In Grecia. Ma poi per fare cosa? Per guardare il mare e contare le conchiglie? A volte penso che non lo farei per sempre, ma per un po’. Per vedere come si sta da un’altra parte. Come si ricomincia al sole, col rumore del mare e la salsedine. Perché sono sempre insoddisfatta e infelice e così non si può. Ci vuole coraggio e incoscienza. Che purtroppo non ho.

ma l’impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale

Contatti. L’unica cosa che riesco a guardare di suo è YOUTUBE. E quando ascolta una canzone sto lì per minuti a pensare cosa le passa per la testa. Faccio una specie di parafrasi di ogni frase: 1) ti hanno visto spogliata la mattina, birichina biricò. 2) Mentre con me non ti spogliavi neanche la notte…3) ti hanno visto alzare la sottana,
la sottana fino al pelo. Che nero! 4)te ne sei andata via con la tua amica, quella alta, grande fica. Tutte e due a far qualcosa di importante, di unico e di grande, io sto sempre in casa, esco poco,
penso solo e sto in mutande. 5)Quindi, normalmente, sono uscito dopo una settimana non era tanto freddo, e normalmente
ho incontrato una puttana.

Mi parte l’embolo (come mi diceva lei). E non riesco più a fermare i miei pensieri. Ora manca come il mare, come l’aria. Pure alla cana pelosa e nera. E’ triste. Da tempo. Ieri al telefono Just mi ha detto: “beh ora stiamo a fare proiezioni sul cane. Tutti a proiettare, grandi registi siamo. Quell’altro (riferendosi a Camel) è sempre molto preoccupato per te. Ma in realtà proietta. E ha paura che stai ancora male”. Io: “eh, sì Just sto una merda. La mattina mi sveglio perché lei mi chiama nel sogno “angioletto mio”. Just: “ah, quindi siamo pure di apparizioni. Molto bene”.

Torno a casa, dopo il medico, e piango. Di nuovo. Stamattina le analisi. Oltre al litro di sangue mi hanno sucato anche 263 euro. E penso sempre alla frase della “mamma”: non vuoi vedere come va a finire?”. Sinceramente non so se ne ho voglia.